Area stampa

La "Festa del Duca - Sipari Rinascimentali" entra nel vivo

Weekend ricco di iniziative immerse nell'atmosfera rinascimentale. Attesa per il gran finale con il Gioco dell'Aita

 

FESTA DEL DUCA – SIPARI RINASCIMENTALI

37^ edizione

10 - 11 - 12 agosto 2018
Il Festival del Rinascimento entra nel vivo e si prepara al gran finale

 

Mentre Kim Rossi Stuart e Ramin Bahrami concludono la rassegna Teatro a Palazzo Ducale, il centro storico rivive uno dei momenti più importanti nella storia del Montefeltro: “Guidubaldo: il futuro Duca di Urbino”, rievocazione a cura di Rosanna Cipriani Saltarelli e Andrea Serafini, che dà il via a tantissimi spettacoli per La Notte del Duca.


Grande attesa per la sfida del Gioco dell'Aita, attività riconosciuta dal MiBACT tra i quindici giochi storici più prestigiosi d'Italia, che concluderà anche questa edizione della Festa del Duca.


SABATO 11 AGOSTO

 

Volge al termine la rassegna Teatro a Palazzo Ducale ospitata nella Galleria Nazionale delle Marche, luogo vivo dove incontrare arti e artisti come al tempo del Duca.
Alle 20 Claudio Tombini si cimenterà nella lettura drammatica della seconda parte di “Il Purgatorio di Dante: la notte lava la mente” di Mario Luzi, mentre la maestra Enrica Sabatini presenterà “Leggeri passi che lo intelecto guida”, danza antica eseguita insieme alla delegazione della corte ferrarese. La performance comprende composizioni del maestro di danza e teorico Domenico da Piacenza, attivo alla corte d’Este e degli Sforza, autore del primo trattato che codificò la danza del Quattrocento: “De arte saltandi e choreas ducendi” (1455).

 

Il Cortile d’Onore di Palazzo Ducale si trasformerà in un luogo suggestivo e intenso con Note e voci cortigiane e l’ultimo e atteso spettacolo di musica e poesia “Dalla melanconia alla introspezione umana” (ore 20.45). Il maestro iraniano Ramin Bahrami si esibirà nella VI partita in Mi minore e accompagnerà i testi da Leopardi a Pasolini, interpretati da Kim Rossi Stuart.

 

Dalle 11 il corteo storico darà inizio alla giornata più lunga dei Sipari Rinascimentali e da quel momento, per la città sarà un continuo susseguirsi di spettacoli nella Notte del Duca.


Il vicoli, le piazze e i palazzi della città – palazzo restituiranno il clima di fervore che si respirava alla corte del Montefeltro. Musica storica, ghironde, suoni medievali, cantastorie, menestrelli, giullari, equlibristi, madonnari e teatranti intratterranno visitatori e cittadini in spettacoli itineranti, laboratori di tiro con l’arco e un parco giochi rinascimentale per i più piccoli, mentre a Palazzo Ducale (sopralogge) si terrà la ricostruzione de
“I giochi matematici”, secondo il trattato “De viribus quantitativa” di Luca Pacioli e “Il Codice Atlantico” di Leonardo da Vinci.

 

Alle 17.30 piazza Duca Federico sarà il punto di incontro del corteo storico. La delegazione ducale e ferrarese daranno vita alla rievocazione “Guidubaldo: il futuro Duca di Urbino”, accompagnata da danze quattrocentesche, sbandieratori e musici.

 

Nella stessa piazza si svolgerà “Allo Alifante El cor L’Aquila morse” scaramucce tra le truppe Feltresche e Malatestiane, mente i migliori arcieri del Ducato, suddivisi nelle categorie under e senior, si sfideranno dalle 17 nel Torneo Marco Risi.

 

La Fortezza Albornoz, in cui sarà allestito l’accampamento del gruppo dei Credendari di Ivrea,  farà da cornice invece a “Il fuoco purificatore”, suggestivo spettacolo di frecce infuocate a cura della Compagnia Feltria Aquile Ducali (ore 23.00).

 

DOMENICA 12 AGOSTO

 

Sarà la gara nazionale di tiro con l’arco alle 9 a svegliare il centro storico e la terza giornata della Festa del Duca. Gli sbandieratori e musici della Corte di Ferrara della contrada di Santa Maria in Vado e di San Giacomo con i loro colori e le loro danze animeranno piazza Duca Federico mentre nel mercato quattrocentesco il fabbro, l’arcaio, la filatrice, la tessitrice svolgeranno le loro mansioni sotto gli sguardi degli armati che presidiano il Palazzo Ducale.

 

Il parco giochi rinascimentale è l’occasione per tutti i bambini di riscoprire come i bambini giocavano alla corte del Duca e come ancora oggi sia divertente tirare con l’arco o giocare a scacchi, dama, dadi, tric trac, filotto e con le tavole.
Ancora una volta cantastorie, menestrelli, giullari, equlibristi, madonnari, teatranti e figuranti si confonderanno tra la folla e lasceranno il passo allo spettacolo per le vie dei Tamburi ducali che accompagnano il corteo storico.

 

Grande attesa per l'Aita, gara riconosciuta dal MiBACT tra i quindici giochi storici più prestigiosi d'Italia. Gli spettatori rivivranno uno dei momenti più cruenti della storia della corte quando la Legione Metaurense mostrava la sua forza nei momenti di non belligeranza del ducato.

 

Con la benedizione delle bandiere sulla scalinata del Duomo (20.45) inizia il momento più virulento della Festa. Da qui, la corte ducale si sposterà nell’Arena di Borgo Mercatale dove, sotto l’occhio esperto di Fabio Ongaro, vincitore di 5 campionati italiani, 1 coppa Italia e 1 supercoppa Italia, i nobili Turchini si troveranno faccia a faccia contro i Gialli popolani e la sfida infuocherà gli animi degli spettatori.

 

Una sfida che si preannuncia ancora più avvincente grazie alla partecipazione della squadra di rugby fanese, attualmente in serie C, e che nel tempo regalerà ancora forti emozioni.

 

Decretata la squadra più valorosa, i vincitori verranno portati in gloria insieme alla parata finale e festeggiati con un tripudio di fuochi d'artificio rinascimentali, dando così appuntamento alla prossima edizione dei Sipari Rinascimentali.

 

Tutte le informazioni e il programma completo su: www.urbinofestadelduca.it